Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Perché esportare in germania e come farlo?

Esportare in Germania sta diventando la solita forma di business per molte aziende italiane. La Repubblica federale è riuscita ad adattarsi alle nuove condizioni della globalizzazione e, nel 2016, è riuscita a ottenere il più grande surplus delle partite correnti del mondo, oltre l’8% del suo PIL. Inoltre, Deutsche Bank prevede che questo raddoppierà nei prossimi 20 anni.

Non sorprende, quindi, che il nostro paese abbia messo gli occhi sull’economia tedesca. Con quasi 82 ​​milioni di abitanti, è diventato il secondo paese più popoloso d’Europa e un punto di riferimento commerciale per il gran numero di fiere che si svolgono.

Come esportare prodotti in Germania

Documentazione obbligatoria
Qualsiasi processo di esportazione deve essere adattato alle leggi, ai regolamenti e alle leggi che contrassegnano il paese di destinazione.

Per inviare prodotti in Germania, è necessario rispettare una serie di requisiti. Il primo è il tipo di merce che vuoi inviare. È consentito esportare qualsiasi tipo di prodotto ad eccezione di beni culturali, materiale bellico o esemplari di flora o fauna esotica .

Per entrare nel mercato tedesco non è necessario pagare i dazi doganali. Si consiglia di specificare nella fattura l’origine delle merci, la voce tariffaria e il valore totale dell’acquisto.

Tichauer Weg 11 in Düsseldorf – Germania
Mobile Italia +39 331 833 0398
eurotrendagency@gmail.com
www.eurotrendagency.com

 

Linee guida per l’esportazione in Germania

Uno dei modi migliori per presentare il nostro prodotto in Germania è attraverso le fiere . È un buon modo per conoscere il mercato tedesco e vedere se la merce che vuoi inviare avrà una buona accettazione tra la sua popolazione.

In Germania un gran numero di fiere si svolgono durante tutto l’anno. Alcuni sono grandi e hanno una presenza internazionale, altri sono di natura regionale e il loro impatto è minore. Ma, indubbiamente, una delle più importanti è la fiera alimentare ANUGA , che si svolge a novembre e il cui asse è gourmet o prodotti a valore aggiunto.

Uno degli obiettivi di partecipazione a questi eventi dovrebbe essere quello di creare una rete di contatti . Il modo migliore per entrare nel mercato tedesco è attraverso gli imprenditori che sono già dentro. La Germania ha una grande diversità di consumatori, quindi è difficile entrare, ma una volta che sei nella relazione è duratura.

Non è facile stabilire una nuova merce in un paese straniero, quindi è essenziale creare rapporti di fiducia con le persone giuste .

Una volta che sei riuscito ad aprire un buco nel mercato, il passo successivo è trovare i fornitori giusti per il prodotto. Non è lo stesso per vendere beni attraverso ipermercati, attraverso agenti o magazzini che lavorano all’ingrosso.

Vendita attraverso i rivenditori

Nel caso di supermercati e grandi catene è possibile gestire direttamente l’operazione con loro. Tuttavia, se si desidera lavorare con negozi più piccoli o negozi specializzati, è più efficace effettuare transazioni attraverso i grossisti.

Vendita attraverso grossisti

Sono responsabili della fornitura dei negozi, sia grandi che piccoli. La maggior parte dei grossisti in Germania ha creato i propri centri commerciali . È una forma di controllo sui costi generati dal tuo intervento.

 

Tichauer Weg 11 in Düsseldorf – Germania
Mobile Italia +39 331 833 0398
eurotrendagency@gmail.com
www.eurotrendagency.com

 

Vendita tramite agenti

Questi agenti sono coloro che hanno la responsabilità di presentare il prodotto italiano alle aziende tedesche e, a volte, di richiedere la merce. Tuttavia, gli agenti non acquistano la merce con fermezza, ma lo fa il cliente finale.

L’ingresso nel mercato tedesco non è facile. Pertanto, è importante tenere presente che un progetto di esportazione in Germania dovrebbe essere considerato a lungo termine e non essere frustrato se non si ottengono buoni risultati dall’inizio.

Il buon lavoro e la perseveranza sono requisiti fondamentali per introdurre il nostro prodotto in un nuovo mercato.

L’internazionalizzazione verso il paese tedesco offre un ampio portafoglio di opportunità data l’elevata diversità e la segmentazione del mercato. Tuttavia, seguendo il loro metodo di lavoro, richiede la massima efficienza e produttività al fine di competere allo stesso livello.

L’esportazione è quindi un processo di innovazione e espansione del business. Per questo motivo, affidarsi a un advisory che ti accompagna lungo tutto il processo è l’opzione migliore.

Da Eurotrend Agency ti consigliamo e ti aiutiamo in ogni momento, ti accompagniamo alle fiere, studiamo qual è il miglior canale per i tuoi prodotti e riceviamo i contatti che ti servono per entrare nel mercato tedesco.

Conosci il nostro servizio integrale e contattaci senza impegno su www.eurotrendagency.com

esportare in germania

Presentazione della Germania: Geografia

Il tipo di clima:Il paese gode di un clima continentale con notevoli variazioni di temperatura tra le stagioni. Le regioni settentrionali hanno un clima oceanico più mite. Le regioni meridionali sono soggette a un clima continentale con più precipitazioni. In estate, gli anticicloni portano giornate calde e soleggiate, le notti che rimangono comunque fresche. In inverno, i giorni sono brevi.

Il mercato tedesco: settori principali

Il settore agricolo rappresenta meno dell’1% del PIL e impiega l’1,3% della forza lavoro tedesca. Questo settore ha beneficiato enormemente dei sussidi statali. I principali prodotti agricoli sono latte, maiale, bovini, barbabietola da zucchero e cereali. I consumatori tedeschi tendono a preferire l’agricoltura biologica. Il paese sta vivendo una deindustrializzazione del settore agroalimentare.

Il settore industriale rappresenta circa il 30,5% del PIL, un calo considerevole dal momento che rappresentava il 51% del PIL nel 1970. L’industria automobilistica è uno dei settori industriali più importanti del paese, ma l’economia Il tedesco mantiene anche i suoi settori specializzati come apparecchiature elettriche ed elettroniche, ingegneria meccanica e prodotti chimici. La decisione di abbandonare l’energia nucleare civile entro il 2022 probabilmente altererà il panorama industriale sia a breve che a lungo termine.

Il settore terziario contribuisce al 68,7% del PIL e impiega oltre il 70% della popolazione attiva. Il modello economico tedesco si basa pesantemente su una fitta rete di piccole e medie imprese (PMI), spesso molto ben collegato al contesto internazionale. Oltre 3,6 milioni di PMI impiegano il 68% dei lavoratori dipendenti in Germania. Il settore radiotelevisivo (in particolare le reti televisive) è molto dinamico.

Tichauer Weg 11 in Düsseldorf – Germania
Mobile Italia +39 331 833 0398
eurotrendagency@gmail.com
www.eurotrendagency.com

 

Il mercato tedesco: consumatore

Comportamento dei consumatori:

La Germania è la quarta economia mondiale e contribuisce per oltre il 20% al PIL dell’UE. Con una popolazione di 81 milioni, il paese è il più grande mercato di consumo in Europa, sia in termini di dimensioni che in termini di potere d’acquisto. I consumatori tedeschi godono di un elevato tenore di vita e tendono sempre più a ottimizzare le loro risorse.

Infedeli, acquistano sia prodotti scontati che prodotti di marca, a seconda delle opportunità. Il fattore prezzo e la qualità sono decisivi. I tedeschi sono sempre più preoccupati per gli impatti ambientali dei prodotti che acquistano e sono interessati a prodotti “sostenibili” o “verdi”.

I consumatori tedeschi sono abituati a fare acquisti di cataloghi e sono sempre più inclini a comprare su Internet.

Quasi il 90% della popolazione ha una connessione Internet e gli acquisti online sono in costante aumento. Hanno permesso ai consumatori di essere ancora più economici, i prodotti e le loro alternative disponibili in un clic.

La tendenza è quella di consultare i prodotti online prima di effettuare l’acquisto in negozio.

l profilo del consumatore e il suo potere d’acquisto:

Con un PIL / capite di 48 100 USD PPP (31 °classifica mondiale), i consumatori tedeschi godono di un elevato potere d’acquisto.

 La popolazione sta invecchiando e l’età media è di 47,1 anni. I consumatori di 50 anni e più sono il gruppo più grande con il più alto potere d’acquisto, con oltre il 50% del potere d’acquisto pro capite.

Ciò si traduce in una forte domanda di prodotti legati a questo segmento di popolazione (salute, tempo libero, ecc.).

Il consumatore tedesco mostra una forte propensione a confrontare i prezzi e i negozi con sconti frequenti. È molto sensibile alle promozioni, non esitando a diversificare i suoi punti vendita per beneficiare di prezzi interessanti.

Ha criteri di selezione molto rigidi in base al tipo di merce che desidera acquistare. Per i beni di consumo durevoli, i criteri saranno rispettivamente la sicurezza e la qualità, prestigio, comfort, convenienza, prezzo. Per i beni di tutti i giorni, l’unico fattore determinante è il prezzo.

Per le attrezzature professionali, l’ossessione della sicurezza induce criteri di acquisto incentrati su qualità, affidabilità, monitoraggio dei fornitori e assistenza post-vendita. Il prezzo non è uno dei criteri dominanti per questo tipo di prodotti.

D’altra parte, per piccole attrezzature o forniture industriali, prevale il fattore prezzo. non è uno dei criteri dominanti per questo tipo di prodotti.

 D’altra parte, per piccole attrezzature o forniture industriali, prevale il fattore prezzo. non è uno dei criteri dominanti per questo tipo di prodotti.

D’altra parte, per piccole attrezzature o forniture industriali, prevale il fattore prezzo.

Il settore della distribuzione:

Con oltre 82 milioni di abitanti, il mercato di distribuzione tedesco è il più grande dell’Unione Europea, con 90 milioni di dollari nel 2016 (+ 7,6% di crescita dal 2012).

Secondo Euromonitor, questo mercato potrebbe rappresentare $ 103,2 milioni nel 2021, o una crescita del + 10,3%.

I supermercati sono stati il ​​formato di negozi leader nel 2016, con la crescita più forte tra il 2013 e il 2016, grazie soprattutto alla loro capacità di adattarsi ai cambiamenti sociali e dei consumatori.

Al contrario, il formato dell’ipermercato è stabile, sebbene popolare nelle aree rurali e periferiche, con un assortimento di prodotti più sviluppati e prezzi interessanti.

Va notato che le vendite di prodotti non alimentari continuano a guadagnare quote di mercato, principalmente negli ipermercati, dove raggiungono il 31% delle vendite totali (questa quota è del 12% nei supermercati), che compensa il calo delle vendite di prodotti alimentari. prodotti alimentari.

Il mercato dei supermercati tedesco è concentrato, saturo e caratterizzato da una forte concorrenza con prezzi bassi, anche se i consumatori tendono a fare acquisti in piccoli formati come negozi di alimentari e negozi indipendenti.

Questo è il motivo per cui i principali operatori al dettaglio hanno investito per modernizzare i loro negozi per far parte di questa tendenza.

Secondo l’American Association of Food Export, non dovremmo aspettarci una forte crescita nei prossimi cinque anni tra gli attori tradizionali della distribuzione, per un settore considerato maturo.

La vendita al dettaglio su Internet continua a guadagnare quote di mercato tra gli operatori del mercato di massa, sebbene rimanga debole a causa dell’alta densità di negozi e discount che dominano il mercato.

In effetti, è più probabile che il consumatore tedesco scelga i prodotti che acquista da sé, piuttosto che farlo da una terza parte (Euromonitor).

Le principali aree di attività sono: Nord Reno, Vestfalia, Baden-Wurtenberg, Baviera, Amburgo, Berlino, Hannover e Lipsia.

Tichauer Weg 11 in Düsseldorf – Germania
Mobile Italia +39 331 833 0398
eurotrendagency@gmail.com
www.eurotrendagency.com

 

Quota di mercato tedesco:

Secondo Euromonitor, la struttura della distribuzione tedesca è caratterizzata da:

  • un forte livello di consolidamento del mercato
  • il gran numero di piccoli negozi indipendenti
  • il basso livello di concentrazione del mercato (rispetto ai principali mercati europei come la Francia, Regno Unito e Belgio)
  • la prevalenza della distribuzione nei centri urbani e nelle aree urbane
  • la debole attuazione del formato “ipermercato”, presente principalmente nelle aree rurali e periferiche.

La distribuzione tedesca è suddivisa nei seguenti canali di distribuzione:

  • commercio al dettaglio tradizionale (24,8%)
  • superstore specializzato (22%)
  • catene di negozi non alimentari (13%)
  • Superstore fai-da-te (11,7%)
  • discounters (11%)
  • supermercati (7,9%)
  • VAD (5,8%)
  • grandi magazzini (3,8%)

 

Secondo l’American Association for the Export of Food Products, i cinque maggiori gruppi di distribuzione tedeschi sono Edeka, Rewe, Schwarz Group, Aldi e Metro, che insieme rappresentano il 71% delle vendite in valore (Lebensmittelzeintung).

Tichauer Weg 11 in Düsseldorf – Germania
Mobile Italia +39 331 833 0398
eurotrendagency@gmail.com
www.eurotrendagency.com